Correggere Ipermetropia con Laser

L'ipermetrope
L’ipermetropia è un difetto di refrazione in cui i raggi luminosi paralleli provenienti dall’infinito convergono verso un fuoco situato posteriormente alla retina. Nella maggioranza dei casi l’ipermetropia deriva da una minor lunghezza dell’occhio; spesso alla nascita l’occhio è ipermetrope di 2-3 diottrie, successivamente si accresce in lunghezza fino a raggiungere l’emmetropia in adolescenza: quando ciò non si verifica, l’occhio rimane ipermetrope. Generalmente tale difetto no supera le 6 diottrie, ma eccezionalmente si possono osservare anche ipermetropie fino a 15-20 diottrie in particolari stati patologici dell’occhio, come ad esempio il microftalmo.

L’ipermetropia di grado lieve non provoca grossi disturbi, ma se raggiunge una certa entità, il soggetto lamenta fatica visiva soprattutto quando lavora da vicino. I sintomi più frequenti sono: dolenzia oculare, senso di peso, frequente cefalea e, più raramente, nausea.

Cos'è l'ipermetropia
Si definisce ipermetrope l'occhio in cui le immagini provenienti dall'infinito non si focalizzano sulla retina, come dovrebbe essere, ma posteriormente ad essa. La distanza fra il punto in cui l'immagine andrebbe a focalizzarsi e la retina è proporzionale all'entità dell'ipermetropia.

I Sintomi
L'ipermetropia, a seconda dell'entità e dell'età, può essere manifesta o latente. Nei gradi leggeri ed in soggetti giovani può essere esclusivamente latente in quanto compensata dal potere accomodativo, che è la capacità del sistema visivo di aumentare la propria potenza, grazie alla modificazione del cristallino, e quindi di focalizzare oggetti al variare della loro distanza dall'occhio. Talvolta l’ipermetropia da luogo allo strabismo accomodativi ed a fastidi anche psicologici e fisici (cefalea). Il potere accomodativo diminuisce con l'aumentare dell'età (presbiopia). In questo caso, pur mantenendo una buona acuità visiva da lontano, si potrà avere comunque un eccessivo affaticamento e disturbi vari nella visione da vicino. Nei casi di ipermetropia più elevata e con l'avanzare dell'età sarà più consistente la componente manifesta, si avranno perciò disturbi sia nella visione da lontano che in quella da vicino. Questo si potrà verificare anche nelle ipermetropie lievi in età avanzata.

Quando si presenta
L'ipermetropia è quasi sempre di origine congenita. La causa è spesso un occhio di lunghezza insufficiente e/o di una cornea e cristallino poco curvi.

L’ipermetropia non curata
Generalmente, con lo sviluppo corporeo, l'ipermetropia tende a ridursi spontaneamente per il progressivo allungamento del bulbo oculare. Anche per le persone ipermetropi sono fondamentali controlli periodici oculistici, in quanto sono necessari adeguamenti del mezzo compensativo in funzione dell'età e delle capacità dell'apparato accomodativo.
L'ipermetropia si compensa con lenti di valore positivo (convergenti), con lenti a contatto o con la chirurgia refrattiva.
Nell'occhio ipermetrope la curvatura della cornea non è sufficiente per la lunghezza oculare che è ridotta rispetto a quella di un occhio normale. I raggi luminosi provenienti da oggetti sia vicini che lontani non vengono messi a fuoco sulla retina, bensì su un piano dietro di essa: in questo caso, l'ipermetrope vede male gli oggetti vicini e in parte anche quelli lontani. L'ipermetropia può essere compensata, entro certi limiti, sfruttando l'accomodazione, il meccanismo naturale che permette all'occhio la messa a fuoco: ciò consente di vedere nitidamente, ma lo sforzo esercitato può provocare affaticamento.

Le cause dell'ipermetropia
1) L'occhio ha un diametro antero-posteriore inferiore alla norma (è la causa più frequente).
2) La curvatura della cornea anteriore è inferiore alla norma.
3) La curvatura della superficie del cristallino è inferiore alla norma.
4) L'indice di rifrazione della corteccia del cristallino è aumentato, tendendo a diventare simile a quello del nucleo, cosicché il potere refrattivo del cristallino nel suo insieme diminuisce.
5) Il cristallino è troppo distante dalla cornea.
6) Il cristallino è assente (afachia).

Come curare l’ipermetropia
E' corretta con lenti positive convergenti(da occhiale o a contatto) oppure dall'occhio stesso mediante l'aumento della capacità di messa a fuoco (accomodazione) o con la chirurgia refrattiva.
Che vede lontano facendo uno sforzo accomodativo. Difetto di vista, vedi anche contattologia medica, si corregge con il laser ad eccimeri da molti anni con estremo successo

Ultime Richieste su IPERMETROPIA Ricevute al:  19/11/2017
 


Richiedi Informazioni agli Oculisti per Ipermetropia >>

 

Richiesta informazioni 

Voglio essere richiamato

Invia richiesta GRATIS

Newsletter